Incentivi per l’agricoltura 2020: novità

La Legge di Bilancio 2020 ha messo in campo una serie di misure rivolte alla crescita della cosiddetta agricoltura 4.0 con l’intento di introdurre maggiore tecnologia e innovazione in tutto il processo produttivo dal produttore al consumatore. Gli incentivi all’agricoltura sono, quindi, concentrati nell’ambito della ricerca e dello sviluppo, in particolare per attività orientate al miglioramento della tracciabilità, con particolare predilezione per la tecnologia blockchain.

Quali sono le agevolazioni previste

La formula di incentivazione rivolta al sostegno di tutte le aziende agricole sul territorio italiano prevede la concessione di contributi a fondo perduto e introduce il credito di imposta per coloro che investono in tecnologia. Il credito di imposta prevede un bonus del 6% delle spese ammissibili al netto di altri contributi e incentivi fino al limite di 1,5 milioni di € e un bonus del 10% delle spese ammissibili e con lo stesso limite massimo di spesa per attività specifiche destinate alla creazione o miglioramento di prodotti o processi produttivi nella direzione dello sviluppo dell’agricoltura 4.0.

Relativamente ai contributi a fondo perduto per il miglioramento della tracciabilità nella filiera agricola con attenzione alle problematiche ambientali e ai trasporti, gli incentivi si articolano in contributi fino al 35% della spesa ammissibile e la copertura fino al 60% per chi sottoscrive un mutuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.