Un gustoso manzo piccante con peperoni abbinato a vino e formaggio

Può capitare che il tempo vola e, pensando al pranzo o alla cena, non si ha idea di cosa cucinare e magari si è anche alla ricerca di qualcosa di originale, per evitare di preparare sempre i soliti piatti. Per fortuna, esistono alcune pietanze che non sono complicate da fare e possono fungere sia da secondo che trasformarsi eventualmente in un piatto unico. Tra queste vi è il manzo piccante con peperoni, che, con l’aggiunta di riso e accanto a del buon vino e del formaggio, diventa una prelibatezza davvero sostanziosa ed unica.

Oltre all’originalità del formaggio, a fornire poi un tocco orientale a questa pietanza vi si aggiungono anche dei germogli di soia, che sono ricchi di vitamine, fibre e proteine e quindi sostanze che aiutano il benessere del corpo, oltre che essere un alimento gustoso e particolare per il palato. Infatti, una certa loro consistenza lievemente croccante, abbinata alla morbidezza del manzo e dei peperoni si coniugano perfettamente. Andiamo quindi a scoprire questa ricetta, che richiede un tempo di preparazione di circa 30 minuti, mentre per la cottura ne servono intorno a 20.

Gli ingredienti per preparare questo piatto

  • Fettine di manzo con spessore di 1 cm, 600 grammi;
  • Riso basmati o Pilaf, 300 grammi;
  • Germogli di soia, 130 grammi;
  • Peperoncino fresco rosso, 2;
  • Peperoni verdi, 1;
  • Salsa di soia, 6 cucchiai;
  • Olio extravergine d’oliva, sale, pepe ed erba cipollina, quanto basta.

Tali dosaggio è per 4 persone.

La preparazione e la presentazione finale

Canestrato misto Toscanella

Una volta lavato, bisogna pulire e tagliare a striscioline sottili il peperone, poi sminuzzare anche il peperoncino. A seguire, è la volta della carne che si deve tagliare a strisce di circa 5 centimetri di lunghezza ed 1 di spessore. Per quanto riguarda la cottura, si può utilizzare sia un wok che una tradizionale padella. Adesso si può scaldare in questa sia l’olio che il peperoncino, a cui aggiungere peperoni, un pò di sale e pepe e si lascia cuocere il tutto per 10/15 minuti.

Nel frattempo, si può cuocere il riso in una pentola a parte, tagliuzzare l’erba cipollina e lavare bene i germogli di riso. A questo punto si possono aggiungere nella padella anche le strisce di carne, che dovranno essere rosolate bene, e, in seguito, anche la salsa di soia. Una volta che il manzo è cotto e viene spento il fuoco, vi si può abbinare l’erba cipollina ed i germogli di soia. Mentre si mescola il tutto, si può scolare il riso. Adesso si può servire il manzo con quest’ultimo, a cui è possibile aggiungere eventualmente anche altra salsa di soia.

Alcuni consigli e la sua conservazione

Questa ricetta prevede il manzo, tuttavia, per coloro che desiderassero utilizzare altri tipi di carne, si può sostituire con quella di pollo o di maiale. Fondamentale resta comunque il tagliarli a strisce sottilissime, al fine di farle cuocere bene e velocemente. Inoltre, lo stesso piatto si può variare e condire ulteriormente, aggiungendo altri generi di verdure, tra cui alcuni consigliano delle mini-pannocchie, sempre di origine orientale.

Da abbinare assieme a tale prelibatezza alcuni esperti consigliano una bottiglia di Vigneti delle Dolomiti Teroldego IGT Foradori. Un vino dal colore rosso rubino proveniente dalla Valle d’Adige e dall’ammaliante profumazione di ciliegia e lampone. Il suo gusto quindi è fruttato, con una nota finale lievemente al sapore di mandorla. Si consiglia di servirlo intorno ad una temperatura indicativa di circa 14°-16°C.

Per quanto riguarda la conservazione di questo piatto assai particolare, è preferibile tenerlo in frigorifero, all’interno di un contenitore chiuso ermeticamente bene, e si dovrebbe consumare al massimo entro il giorno successivo. Tutto questo in modo da conservare al meglio il manzo piccante assieme ai peperoni e germogli di soia, senza tuttavia perdere il suo gusto originale e le stesse proprietà degli alimenti.

Questa pietanza, inoltre, si può degustare sia combinata al riso, sia esso Basmati o tradizionale o di altro genere, che da solo, ma pur sempre accompagnato dallo stesso in una ciotola a fianco. Nel primo caso, come abbiamo detto, da semplice secondo può diventare addirittura un piatto unico per un pranzo o per una cena in famiglia. Si può abbinare invece a qualche altra prelibatezza, nel caso di un incontro conviviale con gli amici.

In quest’ultimo caso, come già accennato, il manzo con peperoni può essere abbinato anche a del buon formaggio. Alcuni chef consigliano, ad esempio, di unirlo a tavola ad un celebre prodotto francese come il saporitissimo e caratteristico Roquefort. Se invece si volesse provare qualcosa di maggiormente italiano, allora è possibile abbinarlo ad una bella fetta di scamorza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.