Frittata ai formaggi: scopri la nostra ricetta

Delle volte capita di non avere buone idee per realizzare un pranzo o una cena più originali e variegati del solito. Al tempo stesso, in frigorifero, ci si ritrova ad avere una serie di formaggi ancora non utilizzati e che andrebbero consumati, prima che finiscano ammuffiti oppure scaduti. Ecco quindi che la soluzione ideale per queste due situazioni è fare una bella frittata ai formaggi. Questa è infatti una ricetta semplice, ma che permette di creare e presentare qualcosa di nuovo a tavola, utilizzando appunto i formaggi conservati.

Questo piatto semplice e veloce da preparare può essere degustato sia caldo che freddo e vi si possono utilizzare diversi tipi di formaggi, dalla scamorza affumicata all’emmenthal, passando per la caciotta di pecora Tartufetta o al Peperoncino de La Pecorella. Comunque, questa ricetta è anche personalizzabile e la si può modificare in base ai propri gusti o esigenze. Se alla frittata ai formaggi si abbina poi una bella insalata mista, ecco preparato un pasto equilibrato, completo e soprattutto squisito.

Preparazione e ingredienti della frittata ai formaggi

Questo piatto, come abbiamo detto, risulta davvero semplice da preparare e la sua difficoltà risulta minima, pertanto può essere realizzato anche da coloro che hanno poca dimestichezza con fornelli e pentole. I tempi di realizzazione e cottura si aggirano complessivamente sui 40 minuti e gli ingredienti indicati sono per frittate per quattro persone. Il costo, inoltre, è davvero economico.

Ingredienti:

  • Formaggi avanzati o disponibili (scamorza affumicata, parmigiano reggiano, emmenthal, caciotta di pecora Tartufetta o al Peperoncino La Pecorella), 200 grammi;
  • Grana Padano, 50 grammi;
  • Burro, 10 grammi;
  • Uova, otto unità;
  • Olio extravergine d’oliva, pepe e sale, quanto basta;

La preparazione:

Innanzitutto, si riuniscano tutti i formaggi da utilizzare. Se sono a pasta molle, si taglino a fettine; mentre quelli maggiormente duri in piccoli dadini o a scaglie. I formaggi molto stagionati, invece, si grattugino. A questo punto, si prenda una padella antiaderente di almeno 20 centimetri di diametro e si unga con dell’olio. In una ciotola apposita, si sbattano due uova e vi si aggiungano un bel po’ di formaggio grana padano grattugiato, un pizzico di sale e del pepe. Ora si versi questo composto nella padella con l’olio.

Si lasci cuocere il tutto a fuoco moderato per circa un quattro minuti, per poi girare la frittata successivamente. Si aspettino un paio di minuti e si trasferisca la stessa su un piatto pronto. Ora non resta che ripetere la medesima operazione per altre tre volte, al fine di ottenere le restanti frittate. A questo punto si possono distribuire, in maniera uniforme, i formaggi precedentemente preparati sulla metà di ciascuna omelette, poi si ripieghino queste e si dispongano in una pirofila da forno, imburrata in precedenza.

L’ultimo passaggio è mettere in forno, preriscaldato a circa 220°C, questa pirofila e lasciarla all’interno per circa 5-6 minuti. Una volta sfornata, la frittata può essere servita in tavola ben calda, in modo da assaporare adeguatamente gli aromi dei formaggi presenti. Altrimenti, si può far raffreddare il tutto e presentarla ai commensali come semplice piatto freddo, magari assieme ad una bella insalata mista, come abbiamo accennato in precedenza.

Alcuni preziosi suggerimenti

Nella nostra ricetta si sono utilizzati alcuni tipi di formaggi, tuttavia questi possono anche essere diversi, magari scelti in base ai gusti o alle preferenze proprie e di quelle dei commensali. Nel nostro Paese, fortunatamente, vi sono tante tipologie di formaggi a disposizione tra cui poter scegliere, da quelli maggiormente stagionati e profumati a quelli più morbidi o freschi, passando per quelli duri.

Inoltre, si è utilizzato la caciotta di pecora Tartufetta de La Pecorella in quanto fornisce un sapore davvero particolare ad ogni preparato in cui si utilizza, tuttavia per coloro che volessero invece gustare un aroma maggiormente intenso e deciso, è consigliabile usare una bella caciotta di pecora al peperoncino. In alternativa, sono disponibili altri prodotti, più tradizionali, della stessa azienda, ma sempre prelibati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.