Rustico Napoletano: La tradizione partenopea tra dolce e salato

La tradizione culinaria napoletana, porta in dote tantissime ricette molto creative e gustose. Il rustico napoletano porta con sé tutto questo L’estro partenopeo mettendo in contrasto il sapore dolce della frolla con il ripieno fatto di salame, uova, ricotta e pecorino.

Questo pilastro della rosticceria napoletana, viene servito, generalmente, in una monoporzione di forma ovale, simile al pasticciotto. Questo formato lo troviamo soprattutto nelle vetrine degli street food sparsi per la città, mentre nelle case viene servita una versione più simile ad una torta, da condividere tra tutti i commensali. 

Come preparare il rustico Napoletano

La preparazione del rustico napoletano prevede circa 40 minuti di preparazione divisi in due fasi, la prima in cui preparare la pasta frolla e la seconda in cui unire il ripieno e formare i “pasticciotti”. La fase di cottura si assesta sui 20 minuti

SI tratta di una ricetta molto semplice, che deve la sua buona riuscita all’utilizzo di ingredienti di qualità

Ingredienti per circa 8 rustici:

  • Farina: 200 gr.
  • Strutto: 75 gr.
  • Zucchero: 40 gr.
  • Uova: 1
  • Ricotta: 100 gr.
  • Salame napoletano: 40 gr.
  • Caciottone Pettirosso La Pecorella: 40 gr.
  • Pecorino grattugiato: 20 gr.
  • Sale: q.b.
  • Pepe: q.b.

Procedimento

Caciottone misto Pettirosso

In una ciotola capiente mettete la farina, lo zucchero, lo strutto e mezzo uovo sbattuto (conservate l’altra metà per il ripieno). Impastate gli ingredienti, (potete farlo a mano o con un’impastatrice a bassa velocità), fino ad ottenere una palla liscia e compatta. Ricoprire con la pellicola e lasciate riposare in frigo per 30 minuti.

Mentre la vostra frolla dolce riposa, preparate il ripieno del rustico napoletano. Mescolate la ricotta con l’altra metà dell’uovo sbattuto, aggiungendo anche il salame tagliato a julienne, il Caciottone Pettirosso La Pecorella tagliato a dadini e il pecorino grattugiato.

Passati i 30 minuti di riposo, tirate fuori dal frigo la vostra frolla. Stendete la frolla su una spianatora o su un banco liscio e pulito, cercando di ottenere uno spessore omogeneo di circa 4-5 millimetri

Utilizzate ora degli stampini per creare le sagome da riempire. Potete utilizzare stampi specifici per rustici o pasticciotti, oppure utilizzare gli stampi da pasticceria che avete già in casa. Quest’ultimi non dovranno essere né troppo piccoli né molto grandi ma di una misura ideale per poter creare una monoporzione da mangiare in due/tre morsi. 

Ritagliate la frolla con gli stampini e fate in modo che risulti aderente alla forma dello stampo, e bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta. 

A questo punto potete riempire l’interno degli stampini con il ripieno, aiutandovi con un cucchiaio. State attenti a non mettere troppo ripieno, considerando che andranno ricoperti di frolla ed il ripieno non dovrà uscire da essa. 

Ora utilizzando la frolla restante, ritagliatela sempre con uno stampino avanzato e, adagiandola sopra, richiudete i vostri rustici napoletani sigillando bene i bordi.  Utilizzate, anche in questo caso, una forchetta per bucherellare la superficie superiore. Questo eviterà che all’interno del forno, l’aria calda che si formerà sotto la superficie, possa sollevare la frolla e rompere il vostro rustico. 

Ora potete infornare il vostro rustico per circa 20 minuti a 180° in forno statico, pre-riscaldato. 

Alcuni consigli

Il rustico napoletano è una preparazione tradizionale soprattutto durante le vacanze di Carnevale e di Pasqua, viene servito durante le cene con i propri amici e parenti sia nel formato “pasticciotto” che come torta da dividere in spicchi. 

Contiene tutti gli elementi della cucina tradizionale napoletana, visti gli ingredienti all’interno come il salame, la ricotta e gli altri, ma unendo anche la parte dolce, data dalla pasta frolla.

Il consiglio è di servirli solo quando si sono completamente raffreddati. Durante questo processo, infatti, la frolla assume croccantezza, mentre la ricotta e altri ingredienti si amalgamano, tirando fuori un gusto unico

Il miglior modo per ottenere questo risultato, è quello di preparare il rustico napoletano il giorno prima di servirlo a tavola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.