Risotto formaggio e pere, una prelibatezza raffinata

Il risotto è un primo piatto che può prevedere moltissime varianti e tutte particolarmente gustose. Una di tali varianti prelibate è con del formaggio e della frutta. Un accostamento che potrebbe sembrare ardito, ma in realtà risulta molto apprezzato e saporito. Nello specifico stiamo parlando di risotto con formaggio e pere, una ricetta dal gusto delicato, tendente leggermente verso il dolce, che sorprenderà i commensali per la sua prelibatezza. 

Il piatto che prepareremo sarà molto semplice e prevede del Pettirosso La Pecorella, tuttavia poi forniremo alcuni suggerimenti per poter realizzare una variante altrettanto gustosa. Naturalmente, ciascuno potrà variare la ricetta originale come meglio crede, magari inserendo formaggi di proprio gusto. Alcuni tra i formaggi La Pecorella, ad esempio sono le ottime caciotte miste o un buon Marzolino. Comunque sia, vediamo come poter preparare questo risotto così particolare.

Ingredienti e tempi di preparazione

Caciottone misto Pettirosso

Questo piatto non richiede particolare esperienza in cucina, quindi chiunque lo potrebbe preparare senza alcuna difficoltà. I tempi richiesti sono modesti (così come d’altronde lo sono i costi per i singoli ingredienti), circa una mezz’ora complessivamente tra la cottura e la realizzazione. Le porzioni descritte poi sono per quattro persone.

  • Riso, 350 grammi;
  • Pettirosso La Pecorella, 100 grammi;
  • Burro, 30 grammi;
  • Pere mature, 3 unità;
  • Cipolla, ½ unità;
  • Dado e vino bianco (per sfumare il risotto), quanto basta;

Realizzazione

Innanzitutto si prepari il brodo, mettendo sul fuoco una pentola capiente con molta acqua e insaporita col dado. In seguito, si sbuccino e taglino le pere a tocchetti. Poi, in una casseruola anch’essa molto capiente far appassire la cipolla nel burro, aggiungendovi poi il riso e mescolando il tutto con un mestolo adatto, magari in legno. Una volta che il riso sia tostato, versarvi un bicchiere di vino bianco per sfumare il tutto.

In seguito, è necessario far cuocere il riso, aggiungendo pian piano il brodo caldo, continuando a mescolare in maniera costante. Poi, a circa metà cottura dello stesso, vi si possono aggiungere le pere. Una volta cotto il riso, è importante mantecare con una dose abbondante di Pettirosso La Pecorella. A questo punto non resta che servire il risotto caldo in tavola e deliziarsi il palato con questo piatto davvero prelibato.

Una possibile variante molto gustosa

Se volessimo preparare un risotto ancora più particolare, si potrebbe utilizzare, oltre alle pere, anche della Caciotta La Pecorella. Unendo infatti quest’ultimo, un formaggio a pasta molle dolce dall’odore molto particolare e intenso, alle pere Kaiser, succose e adatte ad essere cotte, si otterrebbe una combinazione di sapori e aromi davvero unica. La tipologia di riso utilizzato poi è il Carnaroli, adattissimo alla preparazione di risotti.

Ulteriori ingredienti, tra l’altro presenti in alcune ricette, che si potrebbero eventualmente aggiungere sono le noci e lo speck. Infine, per sfumare il riso in questa versione si è utilizzata dell’acquavite, tuttavia, come nella ricetta precedente, si può tranquillamente usare del classico vino bianco.

Per quanto riguarda invece la modalità di realizzazione di questo risotto con pere e caciotta, non si differenzia molto da quella vista per il semplice risotto col Pettirosso La Pecorella. L’elemento di diversità è l’inserimento della caciotta a cubetti qualche minuto prima del termine di cottura del riso, a cui poi si aggiunge del burro e del Parmigiano. I piatti poi, prima di essere serviti, vanno decorati con rametti di timo e spolverizzati con del pepe fresco.

Come abbiamo detto in precedenza, vi sono tantissime possibili varianti per realizzare una risotto con formaggio e pere. E’ possibile utilizzare vari tipi di formaggi, di vini per sfumare il riso ed ulteriori ingredienti da aggiungere, per fornire un sapore più particolare al piatto. Infatti in alcune ricette si utilizzavano anche un saporito affettato come lo speck e la frutta secca, in particolare le noci. A questo punto non resta che scegliere bene gli ingredienti da utilizzare per questa ricetta e usare un po’ di fantasia per abbinarli. La fantasia d’altronde in cucina non guasta mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.