Concorsi per formaggi: diamo uno sguardo ai più curiosi

Talent show, Reality, Miss Italia, … Oggi siamo “bombardati” da programmi televisioni che mettono le persone in competizione tra loro per decretare chi sia la più meritevole di un premio finale. Li potremmo definire “concorsi”. Ma oltre alla televisione, la penisola italiana brulica di concorsi che coinvolgono persone, ma non solo: piante, animali, opere d’arte e, nel nostro caso, alimenti. Andremo a vedere, infatti, quelli che potrebbero essere definiti i “talent show” dei formaggi, concorsi per formaggi che si sono collocati su tutta la penisola.

Concorso Premio Roma

Il Concorso Premio Roma ha una sezione dedicata esclusivamente ai formaggi. Il concorso si tiene con cadenza annuale, le prenotazioni per il 2019 sono scadute il giorno 29 marzo. Il Concorso si prefigge vari obiettivi, ovvero:

  • di valorizzare i migliori formaggi provenienti dai diversi ambiti del territorio regionale del Lazio per favorirne la conoscenza e rafforzarne la presenza nei mercati nazionali ed esteri, premiando i prodotti di qualità che possano al tempo stesso conseguire l’apprezzamento dei consumatori;
  • di far emergere i formaggi più innovativi provenienti dal territorio della regione Lazio favorendo nel contempo un confronto tra le imprese locali e quelle esterne al territorio;
  • di stimolare i casari verso un percorso di costante miglioramento della qualità del prodotto al fine di intercettare stili alimentari diversificati;
  • di favorire lo sviluppo delle startup e, più in generale, dell’imprenditoria giovanile nei settori di interesse.

Sul loro sito (http://www.concorsipremioroma.it/concorso_formaggi.php) si possono leggere regolamenti e visualizzare precedenti vincitori e gallerie fotografiche delle varie edizioni.

In particolare, si sa che i vincitori sono stati scelti secondo un’analisi sensoriale, che viene utilizzata per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari utilizzando tutti e cinque i sensi umani.

Formaggi di Classe

Il concorso di Formaggi di Classe trae spunto dall’enorme varietà di formaggi presenti sulla penisola, tradizione portata avanti da una miriade di piccoli e grandi caseifici. In Italia si estrae infatti un latte unico al mondo, quello di bufala, oltre ad avere tipologie esclusive come paste filate, grana, parmigiano e cacioricotta.

Il fatto che i concorsi per formaggi, che dovrebbero avere il compito di celebrare le migliore tipologie in circolazione, siano in realtà divisi in categorie, rende i consumatori sempre più focalizzati sulle stesse preferenze, senza invogliare a provare sapori diversi. Per questo, Roberto Rubino, secondo un approccio scientifico che collega la qualità del nutrimento dell’animale a quella del latte, ha sviluppato le Classi di Qualità, un metodo che consente di assegnare un Valore al formaggio.

Concorso Nazionale per Formaggi a Latte Crudo

Questo concorso è realizzato dall’Associazione Cuochi Alta Etruria insieme al Comune di Asciano, Regione Toscana, Camera di Commercio Industria ed Artigianato di Siena, Azienda USL Toscana Sud Est ed il supporto pratico della FIC (Federazione Italiana Cuochi) e dell’URCT (Unione regionale Cuochi Toscani), dell’Associazione Cuochi Senesi, e dell’Azienda di food service Sapori di Toscana, ha visto la partecipazione di Azienda casearie di tutte le regioni d’Italia.

Il latte crudo è un latte che non subisce trattamenti termici di conservazione e mantenuto alla temperatura massima di 38°C nel rispetto delle normative igienico sanitarie. Se, quindi, il latte non è di alta qualità, il formaggio ne risente e non possono essere apportate modifiche migliorative: questo rende il formaggio a latte crudo un tipo di formaggio leggermente più complesso da produrre rispetto agli altri.

I partecipanti al concorso hanno inviato un campione dei loro prodotti, collocato successivamente nelle categorie di appartenenza e reso anonimo attraverso un codice alfanumerico casuale. Poi è stato valutato ogni campione, attraverso schede di valutazione e ogni giurato ha espresso un voto per ogni parametro. La somma di tutti i risultati ha dato la classifica finale, ordinata in base al tipo di formaggio utilizzato (ovino, vaccino, caprino, bufalino, misto) e dal grado di maturazione del prodotto caseario (fresco, semi-stagionato e stagionato, freschissimo e stravecchio.

Farm Cheese Awards

Una mensione particolare va al Farm Cheese Awards, il primo concorso internazionale esclusivo per formaggi di azienda agricola a latte crudo. Il concorso, che risale al 18 Giugno 2018 si è tenuto a Lione. Il concorso è stato un’opportunità importante per far conoscere questi formaggi, a volte sottovalutati, a chi ancora non li apprezza abbastanza e agli chef che cercano eccellenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.