Paccheri ripieni di ricotta e zucchine: come si preparano?

Un primo piatto gustoso, ideale per un pranzo domenicale, sostanzioso e festoso, è la ricetta dei paccheri ripieni con ricotta La Pecorella, prosciutto e zucchine (ma si possono combinare le verdure che più sono di vostro gradimento). La pietanza è sostanziosa, molto più confortante e appagante nelle giornate più fredde, ma può essere consumata anche fredda, il gusto e il piacere non cambia.

Come si preparano i paccheri ripieni di ricotta

La ricetta è semplice e veloce da preparare ed è anche di sicuro impatto sia alla vista che al palato!

Ingredienti per due persone: 160 gr. di paccheri; 200 gr di ricotta La Pecorella; 100 gr. di zucchine; 100 gr. di Prosciutto cotto tagliato spesso da fare a cubetti; 50 gr. di parmigiano; olio extra vergine di oliva; sale e pepe quanto basta; besciamella (da comprare già pronta oppure preparare a parte).

Procedura: si comincia con il lavare bene le zucchine e fare una brunoise (tagliarle a cubetti).

In una padella già riscaldata con un filo di olio di oliva, si versano le zucchine e si fanno saltare per pochi istanti a fuoco vivo mantenendole “croccanti”. È giusto il tempo necessario per tagliare a dadini il prosciutto cotto e aggiungerlo alle zucchine in cottura. Lasciare insaporire e cuocere ancora per un paio di minuti. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare.

Appena raffreddate versare in una ciotola capiente le zucchine saltate con il prosciutto e aggiungere la ricotta e il parmigiano grattugiato (avendo cura di metterne da parte una manciata per il gratin in forno). Mescolare bene e amalgamare gli ingredienti. Aggiustare di sale e pepe.

Intanto, si prepara la besciamella o tenere a disposizione quella già pronta e si mette a cuocere i paccheri. Lessare i paccheri in acqua bollente e scolarli prima del tempo richiesto: non devono spaccarsi. Scolare bene la pasta e bloccare la cottura raffreddandoli velocemente sotto acqua fredda corrente. Scolare nuovamente e versare un filo di olio per evitare che i paccheri si incollino tra loro.

Riempire con il composto di ricotta zucchine e prosciutto un sac à poche o una siringa per ripieni con il beccuccio largo – o anche con l’aiuto di un cucchiaio e procedere con la farcitura dei paccheri, avendo cura di non romperli.

I paccheri farciti si sistemano all’interno di una teglia da forno con un velo di besciamella sul fondo. Allinearli uno a fianco all’altro e infine ricoprire il tutto con la restante besciamella e una spolverata di parmigiano messo precedentemente da parte. Gratinare in forno pre-riscaldato a 190° per 10 minuti. Servire ben caldi e filanti. La pietanza si può conservare in frigo per un paio di giorni.

Il vino consigliato da abbinare e che si sposa bene con questa ricetta è un Verdicchio di Jesi. I paccheri possono essere sostituiti dai cannelloni se preferite la pasta all’uovo fresca o dalle lasagne.

Proprietà della ricotta fresca e abbinamenti consigliati in cucina

La ricotta fresca è un alimento molto buono, a basso contenuto di grassi e sali, con scarsa componente proteica, ma ricca di acqua e di calcio che contribuisce a dare quel senso di sazietà senza, tuttavia, avere effetti sul girovita. La ricotta – a differenza di altri derivati del latte – è un latticinio che esercita una gradevole azione sedativa sul sistema nervoso ed è pertanto indicata per chi ha problemi di insonnia e può essere consumata senza controindicazioni da persone che soffrono di ipertensione, diabete, che presentano alti valori di colesterolo e trigliceridi o hanno problemi renali.

In cucina, per le sue proprietà, la ricotta si abbina idealmente con verdure ricche di ferro come i carciofi, la cicoria, le ortiche, gli agretti, l’indivia belga, gli spinaci e il radicchio. Si può consumare semplicemente spalmata sul pane a colazione o come condimento per un primo piatto ricco e gustoso. Insieme a pane, verdura cotta e un frutto costituisce un pasto completo. Gli abbinamenti meno indicati con la ricotta sono i fagiolini e le zucchine – ad eccezione della ricetta appena illustrata perché calibra e compensa l’apporto proteico e di potassio. Infatti, i fagiolini, per esempio, sono ricchi di potassio e potrebbero entrare in conflitto con il calcio della ricotta bloccando la diuresi. Da evitare anche gli abbinamenti della ricotta con le verdure crude perché i sali presenti nell’acqua di vegetazione non si combinano bene con la scarsa componente proteica della ricotta con il rischio di bloccare le qualità strutturanti della ricotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.